mercoledì, Gennaio 26, 2022
HomeUlceraHelicobacter Pylori: è contagioso?

Helicobacter Pylori: è contagioso?

L'Helicobacter pylori  è un batterio molto comune, diffuso secondo le ultime stime in circa il 50% della popolazione mondiale. L'infezione cronica provoca cambiamenti atrofici nello stomaco e ha una nota associazione con l'ulcera peptica. L'Helicobacter Pylori è contagioso. La via più comune d'infezione riportata in lettaratura è il contatto orale e oro-fecale.

Come ci s’infetta con Helicobacter Pylori?

L'H. pylori è un batterio altamente infettivo, che interessa il tratto digestivo. In genere, i batteri entrano nella bocca e si fanno strada nel tratto gastrointestinale. Il batterio è quindi presente nella saliva, nel vomito e nelle feci  delle persone infette. Ciò significa che il contagio con l'Helicobacter Pylori può avvenire:
  • entrando in contatto diretto con la saliva di un individuo infetto, ad esempio attraverso il bacio o il sesso orale;
  • entrando in contatto indirettamente con la saliva di un infetto, ad esempio bevendo da un bicchiere contaminato o toccando una superficie infetta, portando poi la mano alla bocca;
  • attraverso contaminazione fecale di acqua, cibo o superfici.
Helicobacter Pylori e ansia
 Potrebbe interessarti HELICOBACTER PYLORI E ANSIA

Come evitare di prendere l’Helicobacter Pylori?

Le modalità di contagio dell’Helicobacter Pylori suggeriscono le seguenti misure di prevenzione:

  • lava o disinfetta accuratamente e frequentemente le mani, soprattutto prima dei pasti e dopo aver utilizzato i servizi igienici;
  • lava o disinfetta le superfici di oggetti con i quali entri più in contatto o che utilizzi per mangiare o cucinare;
  • cucina il cibo ad alta temperatura;
  • utilizza acqua minerale in bottiglia se ti trovi in un paese con scarso accesso all’acqua potabile;
  • evita il contatto ravvicinato con persone infette, qualora ne sia a conoscenza;

Se un tuo familiare o il tuo partner ha contratto l’H. Pylori:

  • evita contatti ravvicinati (baci, rapporti sessuali, etc.);
  • presta attenzione alle opportunità di contagio indiretto (posate, bicchieri, spazzolino per i denti, asciugamani, etc.);
  • osserva le suddette misure di prevenzione fino a quando il test di controllo abbia verificato la scomparsa dell’infezione; ricorda che durante la terapia antibiotica si è ancora contagiosi;
  • sottoponiti e fai sottoporre i tuoi familiari ad un test diagnostico per l’H. Pylori, così da escludere che tu stesso o altri membri della famiglia siano stati contagiati.

Ricorda che, qualora il test abbia rilevato l’infezione ma non si abbiano sintomi, si è ugualmente in grado d’infettare altre persone.

helicobacter pylori-sintomi della lingua
 Scopri di più su HELICOBACTER PYLORI: SINTOMI DELLA LINGUA

Che problemi da l’Helicobacter Pylori?

Nella maggior parte delle persone affette da H. pylori, l'infezione rimane asintomatica. Tuttavia nei casi sintomatici, l'H. Pylori può causare:
  • dolore addominale, che aumenta quando si ha fame;
  • mal di stomaco;
  • bruciore di stomaco;
  • nausea;
  • appetito ridotto;
  • meteorismo;
  • flatulenza.

Come capire se si ha l’Helicobacter Pylori?

Gli esami per individuare la presenza dell’Helicobacter Pylori sono:

  • esame istologico, effettuato su un campione di tessuto prelevato durante la gastroscopia; è l’esame più invasivo, ma con il più alto tasso di affidabilità;
  • analisi del sangue, finalizzato alla ricerca di anticorpi dell’Helicobacter Pylori; ha una sensibilità che si aggira attorno all’80-95%;
  • analisi delle feci, teso alla ricerca dell’antigene specifico fecale per l’H. Pylori (HpSA). Il suo livello di sensibilità è pari al 95%;
  • breath test o urea breath test; è un esame non invasivo sull’espirato del paziente.

Qui è possibile consultare una revisione scientifica dell’affidabilità dei differenti esami diagnostici.

Helicobacter Pylori aumento di peso
 Scopri di più su HELICOBACTER PYLORI: AUMENTO DI PESO
Redazione Gastroprotezione.it
La redazione di Gastroprotezione.it è formata da esperti nella comunicazione scientifica, che hanno conseguito i massimi livelli di qualificazione accademica (dottorato di ricerca). Guidati dai bisogni dei pazienti, monitoriamo costantemente la produzione scientifica per diffondere un'informazione affidabile ed aggiornata sulla salute digestiva. Gastroprotezione.it - L'Informazione Digeribile!

La nostra Community

793FansMi piace

Iscriviti alla Newsletter

ultimissime