fbpx
venerdì, Luglio 30, 2021
HomeGastroprotettore naturaleDieta per il reflusso: se il problema fossero i carboidrati?

Dieta per il reflusso: se il problema fossero i carboidrati?

Chiunque soffra di reflusso gastroesofageo (GERD) sa quanto importante sia la scelta del cosa mangiare e di quali cibi invece evitare. La dieta, infatti, può ridurre o aumentare i sintomi del reflusso, amplificando l’effetto dei gastroprotettori o, al contrario, vanificando qualsiasi terapia farmacologica. In altre parole, non c’è gastroprotettore che tenga dopo un “pasto sbagliato”, così come potrebbe non essercene bisogno dopo un “pasto giusto“. Comprendere, quindi, quale sia la dieta corretta per il reflusso può fare la differenza nella sua cura.

Generalmente la principale raccomandazione dietetica è di scegliere cibi ipolipidici, cioè con un basso contenuto di grassi. I lipidi, infatti, richiederebbero una maggiore produzione di acido per la loro digestione e ciò potrebbe aggravare i sintomi del reflusso.

reflusso gastroesofageo-rimedi naturali   Per avere maggiori informazioni sulla dieta per il reflusso,   consulta   la nostra guida su Reflusso gastroesofageo: rimedi naturali

Tuttavia seguire una dieta ipolipidica spinge spesso ad aumentare la quota giornaliera di carboidrati, un macronutriente ritenuto irrilevante per la malattia da reflusso e che invece potrebbe esserne un fattore scatenante. Negli ultimi anni, infatti, sempre più pazienti raccontano di aver risolto i fastidi del reflusso dopo aver ridotto drasticamente l’assunzione di carboidrati. Si tratta della cosiddetta dieta low-carb, un protocollo alimentare in cui la percentuale di carboidrati è ridotta attorno al 10% dell’intero fabbisogno calorico.

Dieta low-carb e reflusso: cosa dice la scienza?

Negli ultimi anni un numero crescente di evidenze scientifiche ha supportato il vasto repertorio di aneddoti sull’efficacia della dieta low-carb per il reflusso.

Dieta low-carb e reflusso: studio 1

Uno studio osservazionale ha mostrato come cinque pazienti avessero risolto i sintomi da Gerd, dopo aver seguito una dieta a basso apporto di carboidrati. In realtà i pazienti avevano contemporaneamente eliminato i cibi acidi e, tre di loro, anche la caffeina. Tuttavia i ricercatori sostengono che quest’ultime modifiche non abbiano avuto un effetto particolare sui sintomi. La loro teoria è che quando l’apporto di carboidrati è minimo, l’effetto di cibi scatenanti il reflusso come i grassi e la caffeina è ridotto. I carboidrati sarebbero cioè un fattore precipitante, in grado di innescare il reflusso interagendo con altri cibi. In altre parole un caffè o una bistecca di per sé non dovrebbero creare problemi a chi è affetto da GERD; se accompagnati, però, con una brioche o con del pane, gli stessi cibi si trasformerebbero in “carburante per reflusso”.

Studio 2

L’idea che i carboidrati possano innescare il reflusso è stata avvalorata da un ulteriore studio su pazienti affetti da GERD. In questo caso i soggetti hanno assunto un pasto liquido contenente 85 grammi di carboidrati e, successivamente, un pasto dello stesso volume, ma con 180 grammi di carboidrati. Dopo l’assunzione di ciascun pasto, i pazienti hanno eseguito alcuni esami diagnostici per monitorare l’andamento del reflusso. Il risultato è che, a parità di volume, il pasto con una maggiore densità di carboidrati ha causato periodi di reflusso maggiori, con una durata superiore ai cinque minuti. Lo studio ha quindi mostrato come pasti ad alto contenuto di carboidrati peggiorino significativamente il GERD rispetto a pasti low-carb.

Studio 3

Ancor più indicativo è uno studio condotto su persone obese, che hanno seguito una dieta low-carb per il reflusso. I pazienti, prima di iniziare la dieta, hanno eseguito una pHimpedenziometria di 24 ore, un esame che permette di misurare il reflusso acido nell’arco delle ventiquattro ore. Successivamente hanno iniziato un protocollo alimentare che prevedeva una drastica riduzione dei carboidrati (20gr giornalieri); dopo sei giorni hanno nuovamente eseguito la pH-impedenziometria.

I risultati sono andati oltre le aspettative. Prima dell’inizio della dieta il valore medio di esposizione acido-esofagea era pari a 34,7; tale valore è considerato alto, se si considera che già un livello maggiore di 14,7 indica presenza di reflusso. Dopo appena sei giorni di restrizione dei carboidrati, il valore medio era sceso a 14, un valore che non rappresenta una condizione di GERD. I pazienti, infatti, avevano riportato un miglioramento marcato dei sintomi tipici del reflusso, come ad esempio il bruciore, la pressione sternale, i rigurgiti acidi e il senso di amaro in bocca.

Studio 4

Infine uno degli studi più eloquenti sulla relazione tra carboidrati e reflusso ha riguardato pazienti donne obese affette da GERD. Le donne coinvolte nella ricerca hanno seguito una dieta low-carb per dieci settimane. I risultati, anche in questo caso, sono andati oltre le aspettative. Tutte le pazienti hanno avuto una completa remissione dei sintomi e sono riuscite ad interrompere la terapia con i gastroprotettori e gli antireflusso.

I ricercatori hanno inoltre evidenziato che, contrariamente alla credenza secondo cui una dieta iperlipidica favorirebbe il GERD, non c’è alcuna forte prova statistica che associ il consumo di grassi al reflusso. Al contrario gli autori della ricerca sottolineano come il semplice apporto di di carboidrati, cioè il consumo totale di zuccheri, riesca a predire più efficacemente la probabilità di essere affetti da GERD. In parole povere sarebbe il consumo di carboidrati a scatenare il reflusso e non, come si da spesso per scontato, quello di grassi.

L’evidenza scientifica mostrerebbe quindi come una dieta low-carb possa essere una valida e rapida strategia per la cura del reflusso gastroesofageo. In ogni caso è bene sottolineare che il suo utilizzo dovrebbe sempre realizzarsi sotto la supervisione medica. La riduzione drastica dei carboidrati, infatti, non è esente da effetti collaterali.

Redazione Gastroprotezione.it
La redazione di Gastroprotezione.it è formata da esperti nella comunicazione scientifica, che hanno conseguito i massimi livelli di qualificazione accademica (dottorato di ricerca). Guidati dai bisogni dei pazienti, monitoriamo costantemente la produzione scientifica per diffondere un'informazione affidabile ed aggiornata sulla salute digestiva. Gastroprotezione.it - L'Informazione Digeribile!

La nostra Community

Iscriviti alla Newsletter

ultimissime